E0755WEB

IL PASSAGGIO A TARI PUNTUALE

Pratica

  • 30 AGOSTO 2022

    L’esigenza di adottare comportamenti che preservino l’ambiente e siano, altresì conformi alle previsioni comunitarie in materia di disposizioni tese alla tutela del pianeta, promuovendo l’”Economia circolare”, sta sollecitando i Comuni ad avviare il processo per l’introduzione della TARI “puntuale”. Questo prelievo sui rifiuti, infatti, ha l’obiettivo di determinare la tariffa a carico degli utenti tenendo conto dell’effettivo conferimento dei rifiuti da parte di ogni cittadino, sia esso un’utenza domestica che non domestica. Il nuovo sistema di calcolo della TARI comporta una revisione del sistema di raccolta, teso a monitorare i rifiuti prodotti richiedendo, nella maggior parte dei casi, un’integrazione del contratto con il gestore del servizio di raccolta dei rifiuti e con un’iniziale aumento dei costi del servizio. La nuova modalità di misurazione dei rifiuti, tuttavia, sollecita comportamenti virtuali degli utenti con il vantaggio che, una volta a regime, si assiste alla riduzione della quantità di rifiuti conferiti da parte degli utenti. La nuova pratica propone il regolamento per l’applicazione della TARI puntuale tributo e la documentazione utile per procedere con il passaggio dalla TARI presuntiva, ossia calcolata con i soli parametri indicati dalla Legge n. 147/2013, come integrati dai coefficienti di cui al D.P.R. n. 158/1999, a TARI puntuale tributo, alla TARI puntuale, determinata in conformità alle indicazioni di cui al D.M. 20 aprile 2017, emanato dal Ministero dell’ambiente. E’ inoltre  presente una relazione di sintesi in grado di guidare il responsabile del servizio nel percorso da seguire per raggiungere le finalità poste sia dal legislatore italiano, quanto da quello comunitario, così da rendere l’imposizione aderente al principio dell’Unione “chi inquina paga” od al più recente “paghi ciò che conferisci” ovvero “Pay as you throw - PAYT”.

L'ESPERTO RISPONDE

La sezione è protetta. Inserire il codice di abilitazione ricevuto via posta elettronica al momento della registrazione dell'abbonamento al servizio