E0686WEB

IMU - APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO DELLA ''NUOVA IMU''

Pratica

  • 8 GIUGNO 2020

    AGGIORNAMENTO OPUSCOLO PER LA GESTIONE IMU ORDINARIA – SUPPORTO AGLI SPORTELLI Si segnala che l’opuscolo per le informazioni relative alla “nuova IMU, da fornire ai contribuenti, è stato aggiornato, integrandolo con l’esenzione introdotta dall’art. 177 del D.L. n. 34/2020 (decreto Rilancio), per gli immobili a destinazione turistica. In questo modo i contribuenti sono aggiornati sull’agevolazione per gli immobili suddetti (cod. E0686/11).

  • 5 GIUGNO 2020

    In ragione dei limitati interventi del governo in materia di tributi locali, IFEL è intervenuta con una nota che chiarisce come i Comuni, grazie alla potestà regolamentare riconosciuta dall’art. 52 del D.Lgs. n. 446/1997, nonché dall’art. 1, comma 777 della Legge n. 160/2019, possano differire il termine d versamento dell’acconto IMU, relativo all’anno d’imposta 2020. Peraltro, con la modifica operata dall’art. 138, del D.L. n. 34/2020, che ha abrogato il comma 779, della richiamata Legge n. 160/2019, il termine di approvazione delle aliquote e del regolamento IMU è tornato a collegarsi con quello di approvazione del bilancio di previsione, al momento fissato al prossimo 31 luglio. Al fine di supportare i Comuni che intendono adottare tale provvedimento, viene proposta un’apposita delibera di Consiglio Comunale, unitamente alla relazione del Responsabile del servizio. I nuovi modelli riportano i codici E0686/09 ed E0686/10.

  • 24 MAGGIO 2020

    L’art. 1, comma 739 e seguenti della legge 27 dicembre 2019, n. 160, ha istituito la “nuova” IMU in sostituzione della previgente imposta municipale propria (IMU) e con la contestuale abrogazione della TASI. Così, dal 1°gennaio 2020, gli uffici tributi comunali sono tenuti a gestire questo nuovo tributo con l’approvazione del regolamento e delle aliquote per l’anno 2020. Il termine per adempiere era stato inizialmente fissato al 30 giugno, ad opera dell’art. 1, comma 779, della Legge n. 160/2019, svincolandolo da quello di approvazione del bilancio di previsione. Ora con l’intervento dell’art. 138, del D.L. n. 34/2020, che ha abrogato la disposizione sopra richiamata, è stato ripristinato il vecchio meccanismo. Pertanto, considerato che ad opera dell’art. 107, comma 2, del D.L. n. 18/2020, convertito nella Legge n. 27/2020 è stato differito il termine di approvazione del bilancio di previsione al 31 luglio 2020, la delibera di approvazione del regolamento della “NUOVA” IMU può essere approvata entro tale data.

  • 24 FEBBRAIO 2020

    Con il presente aggiornamento si è provveduto a modificare un capoverso (evidenziato in giallo) relativo alla delibera di approvazione del regolamento della Nuova IMU a seguito dei chiarimenti intervenuti con la Risoluzione n. 1/DF del MEF del 18 febbraio u.s.. In particolare, il Ministero economico ha precisato che il prospetto che riporta l’articolazione delle aliquote IMU da applicare per l’anno 2020, non deve essere allegato alla delibera con cui il Consiglio Comunale deve approvare le aliquote medesime.

  • 4 FEBBRAIO 2020

    Ad opera dell’art. 1, comma 739 e seguenti della legge 27 dicembre 2019, n. 160, è stata istituita la “nuova” IMU che sostituisce la previgente imposta municipale propria (IMU) con la contestuale abrogazione della TASI. Pertanto, a decorrere dal 1°gennaio 2020, gli uffici tributi comunali dovranno gestire questo nuovo tributo che, benché molto simile alla precedente imposta, propone fattispecie diverse e disposizioni non sempre aderenti all’imposta già applicata. In ragione di ciò, l’ufficio dovrà nominare il funzionario responsabile del tributo e procedere con l’approvazione di un nuovo regolamento. Quello già in vigore resterà a disciplinare tutte le casistiche che verranno sottoposte a controllo entro i termini di decadenza stabiliti dalla legge vigente. Preme segnalare che i commi 766 e 767 della citata Legge di bilancio prevedono l’emanazione di un decreto, entro 180 giorni dalla sua entrata in vigore (e quindi entro il 28 giugno p.v.) che indicherà i requisiti e i termini di operatività del Portale del MEF, confermando quanto già stabilito dal “decreto crescita 2019”, in ambito di efficacia dei regolamenti e delle aliquote IMU. Queste potranno essere applicate nell’anno di riferimento se pubblicate sul sito del MEF entro il 28 ottobre dell’anno e ciò avviene se le delibere sono inserite sul sito ministeriale entro il termine perentorio del 14 ottobre. In assenza di tali adempimenti, si applicheranno le aliquote e i regolamenti dell’anno precedente, ad eccezione di quest’anno, in cui non opera il comma 169 della Legge n. 296/2006: per il 2020, in assenza di inserimento delle delibere, dovranno essere applicate le aliquote base. Al fine di supportare i responsabili dell’ufficio fiscale comunale, il gruppo Maggioli mette a disposizione una pratica che contiene tutta la documentazione utile per adempiere agli obblighi descritti. Con la presente nota, si intende altresì evidenziare che l’emanazione del decreto sopra indicato, costituisce un elemento di assoluta rilevanza al fine degli adempimenti dettati per la nuova IMU. Trascurando le problematiche di una sua approvazione a ridosso del termine di scadenza per l’approvazione del regolamento e delle aliquote della nuova IMU, si evidenzia che tutta la documentazione ora messa a disposizione verrà aggiornata qualora il decreto di cui si attende l’emanazione vada ad incidere sulle disposizioni ora in vigore.

  • 4 FEBBRAIO 2020

    Ad opera dell’art. 1, comma 739 e seguenti della legge 27 dicembre 2019, n. 160, è stata istituita la “nuova” IMU che sostituisce la previgente imposta municipale propria (IMU) con la contestuale abrogazione della TASI. Pertanto, a decorrere dal 1°gennaio 2020, gli uffici tributi comunali dovranno gestire questo nuovo tributo che, benché molto simile alla precedente imposta, propone fattispecie diverse e disposizioni non sempre aderenti all’imposta già applicata. In ragione di ciò, l’ufficio dovrà nominare il funzionario responsabile del tributo e procedere con l’approvazione di un nuovo regolamento. Quello già in vigore resterà a disciplinare tutte le casistiche che verranno sottoposte a controllo entro i termini di decadenza stabiliti dalla legge vigente. Preme segnalare che i commi 766 e 767 della citata Legge di bilancio prevedono l’emanazione di un decreto, entro 180 giorni dalla sua entrata in vigore (e quindi entro il 28 giugno p.v.) che indicherà i requisiti e i termini di operatività del Portale del MEF, confermando quanto già stabilito dal “decreto crescita 2019”, in ambito di efficacia dei regolamenti e delle aliquote IMU. Queste potranno essere applicate nell’anno di riferimento se pubblicate sul sito del MEF entro il 28 ottobre dell’anno e ciò avviene se le delibere sono inserite sul sito ministeriale entro il termine perentorio del 14 ottobre. In assenza di tali adempimenti, si applicheranno le aliquote e i regolamenti dell’anno precedente, ad eccezione di quest’anno, in cui non opera il comma 169 della Legge n. 296/2006: per il 2020, in assenza di inserimento delle delibere, dovranno essere applicate le aliquote base. Al fine di supportare i responsabili dell’ufficio fiscale comunale, il gruppo Maggioli mette a disposizione una pratica che contiene tutta la documentazione utile per adempiere agli obblighi descritti. Con la presente nota, si intende altresì evidenziare che l’emanazione del decreto sopra indicato, costituisce un elemento di assoluta rilevanza al fine degli adempimenti dettati per la nuova IMU. Trascurando le problematiche di una sua approvazione a ridosso del termine di scadenza per l’approvazione del regolamento e delle aliquote della nuova IMU, si evidenzia che tutta la documentazione ora messa a disposizione verrà aggiornata qualora il decreto di cui si attende l’emanazione vada ad incidere sulle disposizioni ora in vigore.

L'ESPERTO RISPONDE

La sezione è protetta. Inserire il codice di abilitazione ricevuto via posta elettronica al momento della registrazione dell'abbonamento al servizio